Sul non-sciopero dei Giornalisti di Epolis

by

Riporto un aritoclo di Repubblica sul non-sciopero di alcuni giornalisti del gruppo editoriale Epolis – in fondo quello che ne penso:

“SOSPESI REDA TTORI E POLIS CHE NON HANNO SCIOPERATO”
“Il Consiglio direttivo dell’Associazione della Stampa Sarda ha 
deliberato di sospendere con effetto immediato i giornalisti del 
gruppo editoriale “E Polis” che hanno lavorato nelle giornate di 
sciopero “rompendo la solidarieta’ su un tema vitale per la 
categoria”. I giornalisti verranno inoltre deferiti al Collegio dei 
Probiviri con la proposta di procedere, nei casi piu’ gravi, alla 
loro espulsione. Il Consiglio direttivo ha inoltre deciso di 
segnalare all’Ordine dei giornalisti il comportamento del direttore 
responsabile del giornale, Antonio Cipriani, per verificare se abbia 
violato le norme che regolano la professione giornalistica. Sulla 
vicenda l’Associazione della Stampa Sarda ha aperto una rete 
permanente di consultazione con le Associazioni di stampa delle 
regioni di diffusione dei giornali di “E Polis”. Il contratto – e’ 
scritto in una nota – e’ un diritto per i giornalisti e costituisce 
una delle garanzie irrinunciabili per il corretto esercizio della 
professione. Il Consiglio direttivo dell’Associazione della Stampa 
Sarda ha analizzato, nella riunione di oggi, lo stato della vertenza 
contrattuale e ha ribadito la disponibilita’ a sostenere ulteriori 
azioni di lotta. Le tre giornate di sciopero effettuate la settimana 
scorsa hanno dimostrato la straordinaria compattezza della categoria. 
Il sindacato ringrazia tutti i colleghi (il 97% dei professionisti 
sardi) che, con sacrificio personale, hanno dato efficacia alla 
protesta. Ringrazia in particolare la grande maggioranza dei colleghi 
del gruppo editoriale “Grauso-E Polis” che – prosegue la nota -, 
resistendo alle indebite pressioni dell’editore, hanno aderito allo 
sciopero. Solo un’esigua minoranza di giornalisti del “Sardegna” si 
e’ isolata dal grande movimento dei giornalisti italiani e ha 
consentito la pubblicazione del giornale in edizione ridotta e 
snaturata nelle sue caratteristiche editoriali.”

…………………………………………….

Non è così semplice la cosa, i giornalisti di Epolis che non hanno scioperato lo hanno fatto per non autodanneggiarsi (una serrata costa molto) ma sostenendo la posizione del sindacato. Del resto Grauso è l’unico editore che è praticamente favorevole alle richieste dei giornalisti! Giornalisti come Vauro e molti altri hanno indicato in Epolis una terza via rispetto al muro contro muro di giornalisti ed editori.

Comunque non me ne frega di difendere Epolis ma mi fa incazzare che in questo paese di lobbysti appena uno non è allineato lo mettano subito all’angolo. Bolscevismo di ultim’ordine. Quando le comoda la casta dei giornalisti si traveste da agnello votato al sacrificio, quando serve invece fa il lupo con i più piccoli

(ricordiamoci che tanto se qualcuno trarrà vantaggio da tutto questo sarà sicuramente chi meno ne ha bisogno – i collaboratori che prendono 500 euro al mese e dei quali a mio avviso al sindacato non gliene frega una cippa)

2 Risposte to “Sul non-sciopero dei Giornalisti di Epolis”

  1. enver Says:

    eccomi… ;)

  2. Vince Delmonte Says:

    My fellow on Facebook shared this link and I’m not dissapointed that I came here.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: