Kalos kai Agathos

by

C’è un luogo del pensiero – un luogo dei più classici – in cui l’estetica si incontra felicemente con l’etica e il giudizio. Kalos kai Agathos, ovvero il bello e buono “ della Grecia Classica ed in particolare di Platone, che non stava tanto ad indicare l’incontro accidentale della bellezza con la bontà, quanto la loro inscindibile coesistenza, il reciproco e costante rispecchiamento: tutto ciò che è bello (“calos”) è anche vero e buono (“agathos”), e viceversa.

Quando ci avviciniamo alla pratica dell’arte contemporanea, alla città o alla politica, dovremmo forse apprendere a cercare il bello in ciò che è buono. E viceversa. Scopriremmo dunque che non si dà buona idea che non sia anche a suo modo bella, perché la sua intima struttura, la sua più profonda essenza risuonano armonicamente con il mondo terreno e quello delle idee. Verrebbe da sé che le belle città sarebbero anche buone, ma ove queste risultassero solamente belle forse sarebbe il caso di valutare se non siano anche un po’ “cattive”. Cattiva anche l’arte poco bella, non tanto rispetta a canoni estetici a priori, quanto rispetto a quel senso della indispensabile futilità dell’arte che ne fa la funzione di tutte le funzioni – la funzione trascendentale. Non può dunque che avere a che fare con l’arte una vita ben vissuta, ma senza misurare la vita sull’arte (puro estetismo narcisistico), quanto piuttosto distillando a gocce la seconda dalla prima. Sia detta arte anche la buona politica e i bravi amministratori artisti. Ma quelli cattivi (e brutti) siano per sempre condannati all’inferno del buon gusto, cacciati negli ultimi gironi dei bureau a rimestare carte e smistare bustarelle da cui emana il puzzo macilento della non-vita. Essi in fondo non esistono, perché sono non-cittadini di una non-città, talmente brutta da non potersi vedere. Artisti invece i tecnici e i tecnologi, ma solo quelli nella cui opera respira l’embrione di un’idea, di una buona idea ovviamente. Sia detto artista chi ben vive e dell’arte non si cale, con buona pace dell’arte e degli artisti contemporanei. Forse è lui il miglior cittadino, il paladino della bella polis che verrà.

6 Risposte to “Kalos kai Agathos”

  1. UK Black Girls Says:

    I’m not sure exactly why but this site is loading very slow for me. Is anyone else having this issue or is it a issue on my end? I’ll check back
    later on and see if the problem still exists.

  2. maurizio Says:

    ottimo post che tra l’altro è la filosofia del nostro brand http://www.pitsart.com/concept. Maurizio per pitsart s.r.l.

  3. Ashlee Says:

    It’s going to be finish of mine day, but before end I am reading this enormous piece of writing to increase my knowledge.

  4. Zack Says:

    Fantastic site. A lot of helpful info here. I am sending it to
    some pals ans also sharing in delicious. And
    naturally, thanks for your effort!

  5. Jayden Says:

    I’ll right away clutch your rss feed as I can’t to
    find your e-mail subscription hyperlink or e-newsletter service.
    Do you’ve any? Please permit me understand so that I may just subscribe. Thanks.

  6. www.teampages.com Says:

    An impressive share! I have just forwarded this onto a coworker who was
    doing a little research on this. And he in fact ordered me lunch
    simply because I discovered it for him… lol. So let me reword this.
    … Thanks for the meal!! But yeah, thanx for spending time to discuss this topic
    here on your website.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: