“Partito Democratico” la speranza di una politica nuova

by

Pubblichiamo un intervento di Franco Conte, attuale consigliere comunale.
L'intervento, apparso ieri anche su La Nuova Venezia, mi pare sottolinei bene il rischio che un gruppo unico possa divenire solo e semplicemente la somma "burocratica" dei vecchi gruppi consigliari confermando che non possiamo affidarci unicamente all'azione di Michele Mognato e Piero Rosa Salva. Buona lettura.

Nel giugno scorso a fronte di un atteggiamento poco unionista della Margherita nazionale e locale con il collega Pepe abbiamo dato vita in Consiglio Comunale a Venezia alla Margherita per l’Unione. Con questo atto intendevano ribadire la scelta strategica di animare il progetto di un partito nuovo capace di un salto di qualità nel modo di fare politica.
Dovrei quindi essere tra i più contenti nel vedere il crescente consenso al Gruppo Unico (DS e Margherita) in Comune.
Al contrario sono molto preoccupato. Rischiamo di far incontrare due burocrazie di partito non di animare quella proposta di una politica nuova. Si rischia un laboratorio che appare più una teatrino. Sotto i riflettori gli attori si animano, recitano la parte, poi quando non c’è più pubblico le regole sono le stesse: lottizzazione, lottizzazione e ancora lottizzazione.
Il pessimismo ha purtroppo riscontri oggettivi. E’ infatti completamente assente dal dibattito ogni riflessione sulla piattaforma di comune valori, sui modi e sulle regole con le quali si intende organizzare il partito aperto alla partecipazione.
Che senso ha unire due partiti per avere poi, bene che vada, due correnti in continuo antagonismo. Che senso ha infatti individuare il premier con le primarie e poi circondarlo di eletti, non legittimati dal territorio se non con passaggi appunto di nomenklatura di partito.
Che senso ha mettersi insieme e non avere definito alcune regole di fondo: il conflitto di interessi (non è solo Berlusconi in peccato ma, a scendere, nessuno è senza macchia), il limite nel numero dei mandati elettorali per evitare il professionismo della politica, concrete modalità per favorire l’accesso ai giovani ed al genere femminile, la scelta delle competenze per gestione delle aziende a partecipazione comunale evitando la presa in giro dei sei mila curricula inviati al sindaco e da questi attentamente soppesati per individuare i più idonei!
Collegato al problema del Partito Democratico vi è anche una inevitabile riflessione sulla qualità del gruppo dirigente del centro-sinistra veneto con riferimento alla disfatta rappresentata dall’esito delle recenti elezioni politiche.
Con tutti i laboratori avviati da Cacciari, con tutti propositi sbandierati forse sarebbe il caso che ci si interrogasse sulla necessità di un radicale rinnovo. Chi non è stato capace di vincere nelle elezioni di valenza strategica per il paese e per la Regione dovrebbe favorire il processo di cambiamento nelle persone e nelle regole. Andare al Partito Democratico con ancora i soliti noti si rischia di far avverare la regola politica che uno + uno fa meno di due!
Che una politica nuova sia possibile non è un utopia è un ideale da costruire ricucendo con i corpi intermedi della società, con mondi rappresentanti valori civili praticati, riagganciando la politica all’etica ovvero al primato della persona e del bene comune. Da ultimo ricordando che la legalità non è un optional ma è il volto della giustizia: “Uno Stato che non fosse retto secondo giustizia si ridurrebbe ad una gran banda di ladri” Per chi pensasse allo slogan di un gran rivoluzionario lo devo deludere era S. Agostino “Remota itaque iustitia quid sunt regna nisi magna latrocinia?”

Avv. Franco Conte

Margherita per l’Unione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: